FAQ - TURISMO

 

    1. APPRENDISTATO: la durata dell’apprendistato è in base al livello di inquadramento finale e quindi alla qualifica da conseguire da parte del lavoratore. Può essere accumulato qualora i periodi di servizio vengano prestati presso più datori di lavoro per le stesse attività e con interruzioni non superiori ad un anno. Anche l’apprendistato ha un periodo di prova di 25 giorni. La retribuzione è proporzionata fino al raggiungimento del 100% dello stipendio e quindi del livello finale previsto 
      1. PART-TIME: potrà essere di tipo orizzontale; verticale limitato a periodi predeterminati nel corso della settimana, del mese, dell’anno; misto con la combinazione delle due modalità. Tale contratto può inserire le clausole flessibili relative alla variazione della collocazione temporale della prestazione o elastiche relative alla variazione in aumento della durata della prestazione, entro il limite massimo del 30%.
       
      1. ORARIO: la durata settimanale è di regola 40 ore. Per Alberghi, Pubblici Esercizi, Campeggi, Alberghi diurni e Agenzie di Viaggi l’orario annuale può essere ridotto a 104 ore, per gli Stabilimenti Balneari la riduzione è pari a 108 ore. Tali riduzioni comprendono le 32 ore relative alle festività religiose abolite e le 24 ore previste dal CCNL del 8/7/1982. Le riduzioni verranno attuate mediante godimento di permessi individuali retribuiti della durata di mezza giornata o dell’intera nei periodi di minore attività e con rotazione dei lavoratori.
       
      1. STRAORDINARIO: è il lavoro eccedente il normale orario contrattuale ed è consentito nel limite massimo di 270 ore annuali. I lavoratori non potranno esimersi, senza giustificato motivo, dal prestare lavoro straordinario entro tali limiti.
       
      1. FESTIVITA’: la festività cadente in domenica o nel giorno di riposo deve essere corrisposta una giornata di retribuzione a titolo di festività non goduta, in aggiunta alla normale retribuzione. Per la festività goduta, quindi non lavorata, scatta la normale retribuzione mensilizzata, per quella lavorata deve essere paga ta la maggiorazione prevista per il lavoro festivo. La retribuzione va corrisposta anche agli assenti per malattia, infortunio, maternità sia obbligatoria che facoltativa, permessi e assenze per giustificati motivi.
       
      1. FERIE: periodo di 26 giorni e la settimana lavorativa vale sei giorni, escludendo il riposo settimanale e le festività nazionali ed infrasettimanali.
       
      1. PERMESSI e CONGEDI: congedo matrimoniale di 15 giorni, richiesto con 10 giorni di anticipo, con decorrenza dal terzo giorno antecedente, con proroga eventuale di altri 5 giorni non retribuiti; congedo per motivi familiari gravi per un limite massimo di 5 giorni, permessi per elezioni; permessi per diritto allo studio di 150 ore in un triennio.
       
      1. SCATTI di ANZIANITA’: sei scatti triennali.
       
      1. PREAVVISO: i periodi dipendono dall’anzianità di servizio e del livello di inquadramento del lavoratore
    •  
     

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!